L’Uso Frequente del Telefono Cellulare può Influire sulla Qualità dello Sperma

Vi siete mai chiesti se le radiazioni elettromagnetiche del vostro telefono cellulare potrebbero influire sulla vostra fertilità? Uno studio recente condotto dall’Università di Ginevra e dall’Istituto Svizzero di Sanità Pubblica e Medicina Tropicale ha gettato luce su questo argomento. Pubblicato su “Fertility & Sterility,” lo studio esplora la possibile relazione tra l’uso del telefono cellulare e la qualità dello sperma. Mentre vari fattori ambientali e abitudini di vita sono stati implicati nel declino della qualità dello sperma negli ultimi decenni, questa ricerca esplora se il vostro fedele compagno mobile potrebbe essere un fattore contribuente.

Impatto dei Telefoni Cellulari sulla Qualità dello Sperma

Negli ultimi 50 anni, studi hanno riportato un significativo calo della qualità dello sperma, in particolare del conteggio degli spermatozoi. Il conteggio medio degli spermatozoi è passato da 99 milioni di spermatozoi per millilitro a 47 milioni di spermatozoi per millilitro. Sono stati suggeriti diversi fattori come potenziali colpevoli, tra cui influenze ambientali come interferenti endocrini, pesticidi e radiazioni, insieme a fattori di stile di vita come dieta, consumo di alcol, stress e fumo.

Il team di ricerca dell’Università di Ginevra ha condotto uno studio trasversale completo coinvolgendo 2.886 uomini svizzeri di età compresa tra 18 e 22 anni. Questi uomini sono stati reclutati tra il 2005 e il 2018 presso sei centri di leva militare. Lo studio, condotto in collaborazione con l’Istituto Svizzero di Sanità Pubblica e Medicina Tropicale, mirava a indagare l’associazione tra l’uso del telefono cellulare e i parametri dello sperma. I partecipanti hanno fornito informazioni dettagliate sulle loro abitudini di vita, lo stato di salute generale, la frequenza di utilizzo del telefono cellulare e dove solitamente portavano il telefono quando non lo usavano.

Interessantemente, questa relazione inversa è stata più evidente nel periodo dello studio precedente dal 2005 al 2007. Si è gradualmente indebolita nel tempo, coprendo i periodi dal 2008 al 2011 e dal 2012 al 2018. Il cambiamento di tendenza ha coinciso con la transizione dalla tecnologia mobile 2G alla 3G e successivamente dalla 3G alla 4G, con una riduzione della potenza di trasmissione dei telefoni. Secondo Martin RÖÖsli, professore associato presso il dipartimento di Sanità Pubblica e Medicina Tropicale Svizzero, questa transizione ha influito sulle variazioni osservate.

Lo studio ha esaminato anche se la vicinanza fisica del telefono al corpo, ad esempio, mettendolo in tasca, influenzasse i parametri dello sperma. I dati non hanno rivelato associazioni significative. Tuttavia, è importante notare che il numero di partecipanti che ha indicato di non portare il telefono vicino al corpo era relativamente piccolo, rendendo difficile trarre conclusioni definitive su questo aspetto specifico.

Ricerche Future e Limitazioni

Le ricerche future avranno lo scopo di misurare direttamente l’esposizione alle onde elettromagnetiche e valutare i tipi di utilizzo del telefono, offrendo così una maggiore comprensione della salute riproduttiva maschile e del potenziale di fertilità. Si cercherà anche di comprendere i meccanismi dietro queste osservazioni.

In conclusione, sebbene questo studio suggerisca un possibile legame tra l’uso del telefono cellulare e la concentrazione degli spermatozoi, sono necessarie ricerche più approfondite. Nel frattempo, è consigliabile adottare sane abitudini nell’uso del telefono cellulare, come l’utilizzo di auricolari e il limite dell’uso eccessivo, per coloro che sono preoccupati per la loro fertilità e salute riproduttiva. Ulteriori risposte sono in arrivo.

Lascia un commento